La Programmazione Neuro-Linguistica (PNL) è un atteggiamento e un metodo seguito da un insieme di tecniche“. Così diceva uno dei suoi fondatori, Richard Bandler. 

La PNL è un approccio alla comunicazione che nasce dall’osservazione (modellamento) di alcuni tra i più prolifici ed efficaci psicoterapeuti dell’epoca (Fritz Perls, Virginia Satir e Milton H. Erickson, tra gli altri). Per questo motivo questa disciplina nasce come un approccio alla psicoterapia.

La PNL è un atteggiamento.

Un atteggiamento curioso, volto all’apprendimento. Lo psicoterapeuta ispirato da questo atteggiamento non vede patologie, ma specifici apprendimenti che l’individuo ha brillantemente realizzato nel corso della sua vita. Non giudica, non è interessato alla diagnosi, ma la sua azione è guidata da uno specifico proposito volto alla trasformazione, al cambiamento di quei comportamenti che la persona ha sviluppato nel tempo. 

Un atteggiamento volto alla minuziosa comprensione del mondo interiore delle persone e delle peculiari modalità in cui ognuno di noi costruisce la propria realtà ed interagisce con essa.

La PNL è un metodo.

Si basa sul riconoscimento che ogni persona sviluppa una propria “mappa” della realtà, la quale è caratterizzata da limitazioni, generalizzazioni e distorsioni. Il compito dello psicoterapeuta è pertanto quello di aiutare la persona a riconoscere i limiti delle proprie mappe ed espanderli, aiutandolo a renderlo attivamente partecipe del proprio modo di rappresentare la realtà

La PNL è un insieme di tecniche.

Generazioni di psicoterapeuti e studiosi della Programmazione Neuro-Linguistica hanno sviluppato un insieme di tecniche specifiche volte a risolvere precise “problematiche”. Sfortunatamente spesso la PNL viene identificata con queste tecniche e per questo motivo nel tempo ha attratto numerose critiche. 
Torna utile ricordare che questa disciplina nasce come approccio alla psicoterapia ed è proprio in questa accezione che essa dà il suo meglio.

 

Ambiti di applicazione in Psicoterapia

La PNL si mostra particolarmente utile quando una persona vuole modificare comportamentipensieri e credenze che ritiene disfunzionali, ma anche nel potenziamento di svariate capacità già facenti parte del repertorio di comportamenti dell’individuo. 

  • Eliminare le fobie 
  • Gestione dello stato emotivo
  • Miglioramento della concentrazione
  • Miglioramento della performance
  • Superare l’ansia
  • Superare la depressione
  • Eliminare i pensieri ossessivi o intrusivi
  • Migliorare la comunicazione interpersonale 
  • Eliminare alcune intolleranze, allergie, disturbi psicosomatici